Ordina per:
  • img-book

    Cristianesimo, Europa, nuovi mondi

    Non è possibile prevedere il futuro, non è possibile dire quale sarà l’eredità reale e definitiva della civiltà dell’Occidente. Assumendo apertamente la prospettiva della fede cristiana, si può fare solo un tentativo per individuare ciò che sarebbe più auspicabile tramandare, a beneficio di chi prenderà il nostro posto sullo scenario della storia. Sarà la scienza? La democrazia? Il capitalismo? La tecnologia? Tutti doni molto apprezzati dalle altre culture, talvolta rivelatisi vere e proprie “mele avvelenate” e “cavalli di Troia”, capaci di far passare, insieme a grandi benefici, anche il peggio di quanto è stato prodotto nei quattro millenni della nostra civiltà.
    Sarà il peculiare atteggiamento teoretico e pratico? La risposta è no, nella misura in cui questo atteggiamento di distaccato controllo ha scatenato le potenze disumanizzanti della modernità, allontanando l’uomo occidentale da Dio… Ma la risposta è anche sì, nella misura in cui l’orientamento-atteggiamento indoeuropeo, trasfigurato dall’incontro con Gesù Cristo ed elevato dal piano della sacralità naturale a quello della santità soprannaturale, ha accolto il messaggio biblico e si è costituito – come afferma Benedetto XVI – «parte integrante della fede cristiana».

    ANTEPRIMA

    INDICE


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi