Territori (9)

COLLANA DIRETTA DA STEFANO MAGGI DOCENTE DI STORIA DEL TERRITORIO E DELLO SVILUPPO LOCALE ALL’UNIVERSITÀ DI SIENA

La collana ha come oggetto lavori di carattere scientifico o di alta divulgazione, relativi al territorio toscano e italiano nell’Otto-Novecento fino ai giorni nostri, accogliendo studi delle varie discipline che analizzano il territorio stesso nei suoi aspetti storici, demografici, geografici e di sviluppo locale, ma anche urbanistici e di analisi economico-ambientale. I contributi devono essere contestualizzati nel proprio periodo di riferimento e non avere carattere di pura descrizione localistica. La pubblicazione può essere proposta anche o soltanto su formato elettronico.

Ordina per:
  • img-book

    Futuro artigiano e sfide per una nuova mutualità

    Abbiamo bisogno di non vedere il vuoto sotto i nostri piedi, di muoverci – sia pure con cautela perché le oscillazioni sono tante e continue – senza paura di cadere perché, pur andando più piano, possiamo rialzarci e proseguire. Questo bisogno minimale ce lo può soddisfare un tessuto, recuperando i fili da più reti, un qualcosa di più denso ma allo stesso tempo elastico.
    Un esempio di questo tessuto sono gli Enti Bilaterali dell’artigianato, dove sindacati e associazioni artigiane hanno costruito le tutele per le lavoratrici e i lavoratori dell’artigianato che non ne avevano, ma anche per imprenditori esposti alle crescenti pressioni del mercato, riprendendo un vecchio istituto: la mutua. Si prefigura così una nuova gamma di strumenti, anche contrattuali, che allargano il terreno di un’azione solidale capace di dare sicurezze a persone con competenze diverse e complesse, ma che lavorano da soli o in piccolissime imprese: frammenti di un mondo del lavoro che, se ricomposti, possono ricreare ricchezza e vita alla nostra società.

    Disponibile anche in versione eBook a € 8,99 (sotto il pulsante ACQUISTA).

    ANTEPRIMA  INDICE


  • img-book

    Studi per i cento anni della RAMA (1913-2013)

    con saggi di Annalisa Giovani, Enrico Giunta, Federica Voltolini

    Il libro deriva da una ricerca svolta dall’Università di Siena per l’Amministrazione provinciale di Grosseto ed è diviso in due parti. La prima si occupa del passato e ripercorre la storia dei trasporti in Maremma, partendo con una testimonianza del viaggio di fine Settecento e occupandosi poi dell’Ottocento e del Novecento, con particolare attenzione alla Rete automobilistica maremmana amiatina (Rama), fondata nel 1913. La seconda parte ricostruisce il quadro del presente, con i dati statistici, la situazione delle ferrovie, la mobilità sostenibile, la comunicazione nei trasporti, per terminare con una descrizione dei viaggi sui mezzi pubblici a inizio XXI secolo.
    Sullo sfondo della ricerca ci sono i temi generali riguardanti il cambiamento della Maremma, un territorio che più di altri ha visto una completa trasformazione negli ultimi due secoli, quando la modernizzazione economica e sociale ne ha modificato del tutto la percezione interna ed esterna.

    Disponibile a breve anche in versione eBook a € 13,00 (sotto il pulsante ACQUISTA).

    ANTEPRIMA INDICE

     


  • img-book

    Angelo Costa (1945-1970)

    Il volume ripercorre la storia di Confindustria dal secondo dopoguerra all’autunno caldo, e lo fa attraverso la ricostruzione della vicenda umana e professionale di Angelo Costa, che ne guidò le sorti per quasi un trentennio, attraverso due mandati – un primo dal 1945 al 1955 e un secondo dal 1966 al 1970 – accreditandosi come guida morale e punto di riferimento costante di quella che è stata da più parti riconosciuta come la “stagione eroica” dell’associazionismo industriale.
    Quando, nel lontano 1945, Costa venne chiamato a guidare le sorti della Confindustria della ricostruzione, anche in virtù della sua estraneità a ogni coinvolgimento con il regime, pochi avrebbero immaginato che il suo nome avrebbe segnato in modo indelebile una pagina cruciale della storia dell’industrialismo italiano, intrecciando la sua biografia con le vicende di un trentennio che ha cambiato per sempre il volto del paese.

    Disponibile anche in versione eBook a € 13,00 (sotto il pulsante ACQUISTA).

    ANTEPRIMA INDICE


  • img-book

    Il volume è frutto della riflessione dell’autrice dopo anni di esperienza maturata nella Facoltà medica senese in quanto docente e ricercatrice.
    Grazie allo studio approfondito delle fonti archivistiche e delle collezioni mediche di strumentazione storico-scientifica conservate presso l’Università di Siena, vengono qui approfonditi i temi di storia della medicina moderna che Francesca Vannozzi insegna presso lo stesso ateneo. Lo studio si focalizza su una precisa area quale quella della bassa Toscana, ma ogni tema viene sempre messo a confronto con il più ampio panorama nazionale.
    Quest’opera, che si avvale anche del contributo di altri docenti e ricercatori, vuole essere un utile strumento per gli studenti di Medicina, in maniera che essi imparino a usare la storia della medicina come mezzo interpretativo delle attuali scienze mediche.

    Disponibile anche in versione eBook a € 13,00 (sotto il pulsante ACQUISTA).

    ANTEPRIMA INDICE


  • img-book

    La grande viabilità in provincia di Siena

    Annalisa Giovani è dottore di ricerca in Scienze giuridiche storiche e sociali e lavora a progetti di ricerca applicata inerenti il servizio di trasporto pubblico. Dal 2010 è presidente di Opificio Chianti, associazione che gestisce le attività culturali dei quattro Comuni del Chianti senese. Dal giugno 2009 è assessore alla Cultura e Pubblica istruzione al Comune di Castelnuovo Berardenga.
    Il volume muove dal contesto generale delle politiche nazionali in tema di viabilità, sviluppatesi nel nostro Paese nella seconda parte del Novecento ed è frutto di una ricerca che ha interessato archivi nazionali e locali. Il nucleo centrale riguarda la grande viabilità senese contemporanea, disegnata all’indomani della faticosa decisione dell’itinerario dell’Autostrada del Sole nel sud della Toscana.
    Si analizzano il lungo dibattito sul passaggio dell’Autostrada del Sole e le compensazioni tese a evitare l’emarginazione di Siena (tra il 1966 e il 1972 si terminavano la Siena-Bettolle, la Siena-Firenze e la Siena-Grosseto, mentre la Cassia assumeva sempre più un ruolo marginale).
    Il testo si sofferma anche sulle ricadute produttivo-occupazionali nel territorio della moderna rete viaria, sempre in stretta relazione con il quadro nazionale e regionale.

    ANTEPRIMA INDICE


  • img-book

    Il trasporto pubblico in un territorio isolato

    Stefano Maggi insegna Storia delle comunicazioni e Storia del territorio e dello sviluppo locale nella facoltà di Scienze politiche dell’Università di Siena. Tra le sue pubblicazioni recenti, si ricordano Le ferrovie (Il Mulino, 2007), Storia dei trasporti in Italia (Il Mulino, 2009). Con Nerbini ha pubblicato I trasporti in provincia di Siena e la mobilità sostenibile. Una ricerca applicata (2009).
    La ferrovia è stata fin dalle origini l’infrastruttura del trasporto collettivo: sulle strade si viaggiava e si viaggia soprattutto con mezzi privati, sui binari con mezzi in servizio pubblico. La presenza della linea ferroviaria è tanto più importante quanto più è forte l’isolamento: il caso di Volterra risulta emblematico in prospettiva storica, per la pressante richiesta, fra Otto e Novecento, di far salire la locomotiva in città. Dopo che il treno era arrivato a Saline nel 1863, il vapore simbolo di modernità raggiunse Volterra nel 1912.
    Il treno sulla Cecina-Volterra ha oggi ampi margini di miglioramento, considerandolo non solo per gli spostamenti pendolari ma anche per quelli saltuari e turistici. La ferrovia deve recuperare il ruolo di “ossatura” fondamentale del trasporto, con una gestione locale che unisca bus e treni, in modo da avviare un circolo virtuoso, tale da superare l’immagine di dismissione che ora si percepisce.

    ANTEPRIMA INDICE

     


  • img-book

    La politica stradale italiana nell’epoca delle ferrovie (1850-1900)

    Il saggio ripercorre la politica sulla viabilità ordinaria dai primi decenni del Regno unitario all’inizio del XX secolo, una fase in cui l’Italia dovette concentrare le proprie forze nell’intento di darsi un’effettiva unità, non solo territoriale, e in cui ci fu il primo passaggio dal governo della Destra storica alla Sinistra. Questo tema si inserisce nella più generale problematica dello sviluppo delle comunicazioni nella prospettiva di una modernizzazione dello stato unitario, volto ad acquisire standard economici e culturali in linea con quelli dei più avanzati paesi occidentali.
    Oltre alla presentazione dettagliata dei costi e delle strategie amministrative e gestionali susseguitesi in quegli anni, sono evidenziati i dibattiti politici che tali tematiche sollecitavano.
    Una ricerca, a cavallo fra la storia economica e quella delle istituzioni, che riveste un deciso interesse storiografico poiché si inserisce in un settore finora ampiamente trascurato, nonostante la sua crucialità.

    ANTEPRIMA


  • img-book

    Il volume utilizza i risultati di una ricerca condotta dall’Università di Siena (Dipartimento di scienze storiche giuridiche politiche e sociali) sul trasporto pubblico locale nella provincia di Siena, per presentare un’ipotesi di mobilità collettiva adeguata all’oggi e sostenibile.
    Le questioni trattate riguardano: la costruzione delle ferrovie e il servizio dei treni dall’Ottocento ai giorni nostri; le origini e lo sviluppo della grande viabilità in territorio senese; l’esame dei flussi di mobilità negli anni Duemila; la proposta di organizzazione del trasporto pubblico a “rete” e di velocizzazione dei treni per “agganciare” Siena all’alta velocità e farle superare la sensazione di isolamento.

    ANTEPRIMA


  • img-book

    Il volume si propone di collocare la storia senese dell’Ottocento e del Novecento nel contesto generale della storia italiana ed europea, nel presupposto che il periodo 1870-1960 vada letto nel suo complesso come un insieme di fatti ed eventi designati convenzionalmente quali “età contemporanea”. I fatti salienti, caratteristici di essa sono individuabili  nell’industrializzazione;  nella società di massa;  nella costruzione dello stato moderno. Nella definizione di questa epoca possiamo tentare di ricomporre storicamente il posto occupato dalla città di Siena, in particolare per ciò che attiene al rapporto città/campagna.

    ANTEPRIMA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi